Condividi

    La Villa offre settimane o weekend romantici e rigeneranti il corpo e lo spirito, in un'atmosfera da sogno. I tre corpi di Villa Paladino, elegantemente disposti sul pendìo e l'antica fontana di marmo, che adorna il piazzale, sono immersi in un clima fantastico di elevata suggestione, tra l'esuberanza di una natura padrona del luogo, ricca di specie diverse di uccelli, essendo limitrofi sia al Parco Archeologico di Solùnto che al Parco Naturale di Monte Catalfano, con la superba presenza del Falco Pellegrino, che nidifica sulle rocce soluntine, tanto amato da Federico II di Svevia, e innumerevoli specie di piante, per il clima straordinariamente accogliente e l'abbondanza d'acqua, come le essenze di tamerice, oleandro, pomelia, strelizia gigante augusta, edera, glicine, gelsomino siciliano e azzorico, carrubo, ulivo, pino, palma da datteri, palma nana, mimosa, geranio, iucca, mangiafumo, alloro, bosso, pitosforo, dracena, aloe vera, cipressetto, pompelmo rosa, etc. in uno spazio, tra storia e mito, che abbracciando due golfi e dominando le le verdissime colline di Bagheria e Santa Flavia con le famose ville settecentesche e la splendida Basilica Soluntina, lascia il visitatore affascinato e sbigottito di fronte a tanta ricchezza di natura e cultura.
     E’possibile passare in meno di un’ora dal mare alla montagna, partecipando a visite turistiche, escursioni nel grande Parco delle Madonie (m. 2000), o a battute di pesca e gite in barca in compagnia dei delfini, nei dintorni sino alle Isole Eolie.


Arancine


Frutta di marzapane



Panettone di Castelbuono
nelle Madonie



Liquore al mandarino